Psoriasi a Placche: sintomi e trattamento

La psoriasi a placche è la forma più comune e coinvolge circa l’80% dei pazienti soggetti a questa particolare patologia. Non è una malattia contagiosa, ma presenta rischi di ereditarietà, visto che chi ha casi in famiglia ha maggiori probabilità di svilupparla. La psoriasi può fare la sua comparsa in qualsiasi fascia d’età, sia quando si è giovani (soprattutto tra i 16 e i 22 anni) che quando si diventa adulti e maturi (con picchi tra i 50 e i 60 anni).

Non è assolutamente una patologia da sottovalutare: se non viene trattata nella maniera adeguata fin dal principio può sfociare in disturbi ben più gravi, come l’artrite psoriasica, o causare malattie cardiovascolari e pericolose sindromi metaboliche. Il processo patologico che scatena la comparsa della psoriasi è caratterizzato dall’iper proliferazione dei cheratinociti, che si associa alla flogosi del derma e dell’epidermide, in seguito alla quale compaiono le lesioni cutanee.

Segnali e sintomi della psoriasi a placche

La psoriasi a placche è facilmente individuabile, in quanto caratterizzata da chiazze eritematose rossastre, a loro volta contraddistinte da una forma rotondeggiante e da margini netti che causano un ispessimento cutaneo. Inoltre, molto spesso le chiazze sono ricoperte di scaglie biancastre o color argento e possono essere di dimensioni diverse, così come di spessore differente. Di solito la comparsa di queste macchie provoca un fastidioso senso di prurito e bruciore e, nei casi peggiori, ovvero quando le stesse placche solo irritate, possono perfino sanguinare.

Come detto le lesioni da psoriasi a placche possono comparire su ogni parte del corpo, ma in particolare nelle zone in cui la pelle viene sottoposta più spesso a sollecitazioni: gomiti e ginocchia, palmo delle mani, pianta dei piedi e perfino cuoio capelluto. Quando interessa mani e piedi è possibile che la psoriasi danneggi anche le unghie, che possono andare incontro a deterioramento o anomalie visibili soprattutto nella colorazione.

Trattamenti per la psoriasi a placche

Come prima cosa è importante ricorrere a poche e semplici abitudini che dovrebbero essere presenti nella vita di tutti i giorni. Innanzitutto la pelle va sempre mantenuta idratata, in modo tale che non vada soggetta a pericolo di irritazioni causate da prodotti per l’igiene sbagliata o dall’eccesiva esposizione al sole o al freddo. È necessario seguire una dieta regolare ed equilibrata, associando, magari, anche dell’attività fisica. Infine bisogna evitare di mettere in atto tutti quei comportamenti che possono scatenare la malattia, come ferirsi, procurarsi traumi o sottoporsi a un eccessivo stress psico-fisico.

Nel caso in cui la psoriasi si sia ormai in fase avanzata, esistono diversi trattamenti da utilizzare in base alla gravità. La prima terapia, quella maggiormente consigliata dai medici, è la terapia topica, ovvero la somministrazione direttamente sulla parte irritata di creme, pomate, gel e unguenti. Si può inoltre ricorrere alla cosiddetta terapia sistemica, o biologica, che prevede l’utilizzo contemporaneo di farmaci sistemici tradizionali e di farmaci biologici. I prodotti a base naturale PSOCUREgold, nello specifico, sono in grado di agire in modo selettivo direttamente sui processi immunologici alla base della psoriasi.

SCOPRI I PRODOTTI PSOCUREgold, STUDIATI PER CONTRASTARE LA PSORIASI